libranchio

Libri
Scuola Primaria

Tessendo i fili delle fiabe

Tessendo i fili delle fiabe
Gli alunni hanno creato una fiaba, ambientata in Sardegna nel periodo medioevale, individuando precisi riferimenti: l'eroe positivo (incarnato nel protagonista), l'eroe negativo (l'antagonista) e l'aiutante (lo zingaro che di trova di passaggio nel regno del re). Tutti gli alunni si sono poi impegnati a creare una storia che utilizzasse in modo coerente ed organico tutti gli attori del racconto, raggiungendo autonomamente un finale in cui viene indicata una comunità pacifica ed integrata. È stata scelta la fiaba, come genere narrativo, per la sua vicinanza al mondo infantile e in quanto duttile e adattabile alla presentazione di mondi diversi. Si è privilegiato lo studio del genere testuale in base ad una interpretazione attanziale, sul ruolo dei personaggi in un racconto, servendosi dell'analisi di Propp.
  • Scuola:Scuola Primaria "San Nicoḷ d'Arcidano" San Nicoḷ d'Arcidano (Oristano),  Sardegna
  • Insegnante/i:

    Silvana Mattiuzzo – Italiano, Storia, Geografia, Scienze, Arte e Immagine, Musica; Ruggiero Sebastian – Italiano, Storia, geografia, Scienze, Arte e Immagine, Musica.

    In collaborazione con: Associazione Culturale “L'aquilone di Viviana

  • Classe/i coinvolte:V A e V B
  • Anno scolastico:2005/2006
La scelta delle fiabe è stata fatta con la convinzione che anche le fiabe possano creare le condizioni per una cittadinanza interculturale, attiva, responsabile e solidale. Assumendo il punto di vista del narratore esterno, tutti gli alunni hanno avuto l'impressione di essere padroni di un micro-cosmo, quello letterario, in cui tutte le ingiustizie e i pregiudizi (di classe, di cultura) dovessero essere eliminati e di creare tra le loro pagine, un sistema di convivenza civile e democratica. Anche in questo modo gli alunni hanno potuto modificare le loro modalità di interazione con i compagni e sperimentarne di nuove.