libranchio

Libri
Scuola Primaria

L’astronave dell’amicizia

L’astronave dell’amicizia
Un’Avventura Speciale coinvolge una compagnia formata da un alieno, due botanici, un bambino e alcuni animali: viaggiare con un’astronave in luoghi diversi e lontani alla ricerca degli ingredienti della Ricetta dell’Amicizia per riportare l’amore tra gli uomini. In avventurosi viaggi della fantasia si incontrano città lontane ma unite da un ponte straordinario, quello dell’Amore. Nei vari episodi i diversi luoghi (Madrid, Torino, Napoli, Salerno, Giffoni Sei Casali, Eboli e Atripalda) parlano di sé (ambiente, storia, miti e tradizioni) e dei propri abitanti, riscoprendo la propria identità.
  • Scuola:Scuola Primaria "Falletti di Barolo" (Torino),  Piemonte
  • Insegnante/i:

    Ermelinda Garofano - Storia, Geografia, Convivenza civile, Musica.

    In collaborazione con: Centro di Cultura all’Identità e alle Culture – ITER Istituzione Torinese per un’Educazione Responsabile

  • Classe/i coinvolte:III B
  • Anno scolastico:2007/2008
Gli alunni di scuole di diverse città hanno scelto di rielaborare un racconto, una storia comune passandosi i capitoli via mail. Ogni capitolo risultava così uno spaccato di scuole e territori diversi, espressione di una realtà particolare: torinese, campana o spagnola. Nella rielaborazione creativa presentata, la III B si è riappropriata della storia nella sua globalità, l’ha rivissuta e in questa nuova interpretazione c’è stato uno scambio interculturale. Anche l’uso della tecnica della stampa a contatto è interculturale, perché mette in relazione immagini di tipo diverso realizzando uno scambio comunicativo efficace: le figure nitide e ben delineate disegnate dai bambini si presentano accanto a sagome grigio-bianche (mascherine) impresse su carta fotografica che stimolano la curiosità del lettore e che in questo gioco del vedo/non vedo riscoprono la loro identità. Fondamentale anche la cooperazione nel gruppo-classe e l’esercizio di decentramento messo in atto per rielaborare la storia. A partire dalla storia narrata è stata inventata anche una canzone, con testi e musica prodotti dai bambini.